SANTA TERESINA DI LISIEUX

A pochi chilometri da Latina, ad Anzio, c’è un santuario dedicato a S. Teresina di Lisieux. Vi sono conservate due reliquie di grande valore spirituale, che meritano di essere conosciute.

Teresina è una piccola Santa che, nella bellezza della Sua Luce, ama Gesù con tutto l’ardore del Suo Cuore. Lui è il Suo Sole che irradia e riscalda il Suo “piccolo fiore”. Così Gesù la chiamava e così lei si definisce per Lui. Usa, come oggetto sul quale manifesta il suo tenero e reale bene per Lui, un crocifisso che copre di baci e di petali di rose. Quel crocifisso è in visione per tutti quelli che si recano nel suo santuario e quel crocifisso parla di Lei e di Lui. I loro momenti d’unione d’amore nel dolore fisico, che raggiungono vette di così alta intesa, fino a portare il piccolo fiore ad essere Lei stessa crocifissa con Lui.

Per amore Lei lo vive, il Suo Gesù sofferente, e per Amore Lui la porta sulla Sua Croce e la rende partecipe del Suo Fuoco Divino. Il crocifisso della passione fra creatura e creatore è l’oggetto che chiunque lo osserva non può non sentirsi attratto da tale unità. Sorge spontaneo il desiderio di partecipare a tale momento, baciando oggi con le labbra di Teresina ciò che Lui ieri ha fatto. “Baciami con i baci della tua bocca”, invita nel Cantico dei Cantici lo Sposo e con il crocifisso di Teresina è là a portata di mano il grido dello Sposo e così forte da far desiderare ciò che Teresina ha più volte vissuto. Baciare lo Sposo dove Lei ha posto le sue labbra innamorate e appassionate di Lui che le parla, di Lui che agisce, di Lui che muore.

Sublime desiderio che quell’esposizione promuove e sublime Volontà di Teresina nel chiedere alle anime di ripetere il suo piccolo, grande gesto d’amore per Lui: baciare il Suo crocifisso. Teresina non suscita il bacio alla sua immagine, né ad alcun punto della sua persona, bensì al Suo Amato. Lo offre come Lei lo ha tante volte adorato, crocifisso, e con Lui vivere l’estasi dell’incontro più intimo di Dio con l’umanità sofferente.

Teresina lascia di Sé il Suo Gesù impreziosito dai suoi baci e ricoperto dai petali di rosa che per Lui raccoglieva con il profumo del suo cuore innamorato e tale dono diviene un invito d’amore a tutti quelli che per trovarla non debbono andare molto lontano, perché Lei canta ancora con la voce di chi nel crocifisso trova la passione del Santo.

Lascia un commento